giovedì 12 dicembre 2013

SPOILER ALERT -Sezione Speciale I'm Sherlocked - The Reichenbach Fall - Analisi 6-12


Continuiamo le analisi punto per punto della puntata.

6)" TUTTE LE PERSONE HANNO DEI PUNTI DI PRESSIONE" - "VOGLIO CHE TU MI DIA LA PROVA CHE HAI CAPITO" PARTICOLARI DEL DISCORSO DI MORIARTY

Sherlock capisce che la giuria del processo è stata corrotta e Moriarty spiega che tutte le persone hanno un punto debole su cui fare pressione, delle persone che vogliono proteggere.

A questo punto parlano del problema finale.... e Moriarty dice. "Io te l'ho detto, ma stavi ascoltando?"

Analisi: questo passo va analizzato alla luce del discorso che i due fanno alla fine della puntata "Il Grande Gioco".

  • J: se non la smetterai di metterti in mezzo, ti brucerò, ti brucerò fino al cuore.
  • S: sono stato informato da fonte certa di non averne uno
  • j: sappiamo entrambi che questo non è proprio vero.


Quindi chiaramente a Baker Street Moriarty avverte Sherlock sul fatto che lo brucerà colpendo l'unica persona a cui Sherlock pare tenere: John Watson.

E adesso un altro passo del discorso:

Moriarty chiede a Sherlock se ha già  detto ai suoi amichetti il motivo per cui ha fatto irruzione in tre posti in contemporaneamente.
-S: No
-M: ma tu hai capito
-S: naturalmente
M: oh, avanti allora, spiega.
S: vuoi sentirti dire quello che già sai?
-M: No, voglio che tu mi dia la prova di averlo capito.

Quindi si parla del fantastico codice che può aprire tutte le porte: Moriarty fa irruzione per provare a tutti il potere del codice, si stava facendo pubblicità, come spiega Sherlock e Moriarty risponde, e tu mi stavi aiutando.

Analisi: "Quel  voglio che tu mi dia la prova di averlo capito" sembra quasi un test che Moriarty fa per capire se Sherlock sia caduto nella sua trappola.

7) IL SALTO TEMPORALE DI DUE MESI E L'INCONTRO MYCROFT - JOHN

Passano due mesi dal primo duello a Baker Street-
Analisi: è possibile che Sherlock sia rimasto impalato per due mesi, considerando che il suo peggior nemico gli ha promesso una caduta?

Mycroft convoca John, nel suo ufficio Watson nota il trafiletto della Relly e la questione della grande inchiesta su Sherlock.
My: qualcuno di nome Brook. Riconosci il nome?
Analisi: chiaro riferimento allo scherzo di Moriarty sulla traduzione in inglese di Reichenbach. Sembra difficile credere che Sherlock non se ne sia già accorto.

Vengono mostrate a John la foto dei quattro cecchini e Mycroft confessa di aver litigato con il fratello.

8) Il RAPIMENTO, L'URLO, LA FAVOLA SUL "SIGNOR SBRUFFONOTTO"

Siamo arrivati al punto di svolta della puntata. I bambini dell'ambasciatore americano vengono rapiti e quest'ultimo chiede che a indagare sul caso sia proprio Sherlock. Il nostro ritrova i bambini alla svelta partendo dagli elementi che individua nei residui sull'impronta del rapitore. Nulla di nuovo sotto il sole: è Sherlock.
Durante il rapimento viene ritrovata in una busta il libro di fiabe dei fratelli Grimm, in una busta dello stesso stile era stato recapitata a Baker Street una busta con delle briciole di pane.
A questo punto arriva il momento cruciale. Sherlock va a parlare con la bambina che urla appena lo vede.
E mentre Donovan e Lestrade ne parlano, Sherlock guarda fuori dalla finestra e nel palazzo di fronte compare la scritta I.O.U.
Sherlock fa per andarsene ma prima riceve i complimenti di Donovan che  conclude con eloquentissimo "incredibile".
Sherlock lascia John a piedi e prende il taxi da solo, dove ascolta l'amabile storiella di Moriarty sul signor Sbruffonotto e nel mentre vediamo Donavan illustrare i suoi sospetti a Lestrade.

Analisi: Sherlock decide di chiedere cosa cavolo succede al taxista solo alla fine del video per poi accorgersi che, guarda un po', stava guidando Moriarty.

9) IL CECCHINO, LA TELECAMERA. L'ARRESTO E LA FUGA

Sherlock tenta di rincorrere Moriary e a momenti finisce investito da una macchina, ma viene salvato da uno dei cecchini. Nel momento in cui Sherlock lo ringrazia e gli stringe la mano questi viene ucciso da un altro cecchino. Arriva John che gli spiega di essere stato avvertito da Mycroft dell'esistenza dei cecchini..

Analisi: Sherlock non sembra stupito dal racconto di John, anzi sostiene che tutta l'attenzione è puntata su di lui e la prima cosa che fa è preoccuparsi della telecamera nascosta.

Arriva Lestrade, e Sherlock intuisce subito che è li per l'urlo. Spiega che si tratta del piano di Moriary e dice a Lestrade:

Una fotografia. Questa è la sua prossima mossa. Il gioco di Moriarty Prima l'urlo poi una fotografia di me che vengo portato in centrale per accertamenti. 

Analisi: quindi lo sa perfettamente qual è il piano. Eppure non si muove, non fa una mossa per contrastare quella di Moriarty, sa che la chiave sta nell'urlo della bambina, ma non fa nulla per scoprire il trucco, se ne sta beato e tranquillo a Baker Street a spiegarlo a John e Lestrade, pacioccando con la telecamera e il pc e in più aggiunge: è un gioco: e non uno a cui ho intenzione di giocare.

Lestrade se ne va, Sherlock spiega che stanno decidendo se arrestarlo a questo punto si preoccupa di capire se John ha dei dubbi su di lui e quello risponde con una delle frase migliori della serie: nessuno può far finta di essere un simile coglione per tutto il tempo. xD

Tornano per arrestarlo, ma prima riceve il biscotto carbonizzato. Lui si fa arrestare, John lo segue dopo aver preso a pugni il commissario capo e a questo punto cosa fa Sherlock: fugge e cosa dice a John: faccio quello che Moriarty vuole: divento un fuggitivo.

Analisi: prima non vuole farsi fotografare e poco dopo addirittura evade? Scappa? Prima dice di non voler giocare al gioco di Moriarty e dopo fa quello che lui vuole che faccia?

Nella fuga muore un altro cecchino, dopo che Sherlock fa finta di voler finire sotto al pulman. Il cecchino confessa che stanno cercando tutti il codice che apparentemente Moriarty ha nascosto a casa di Sherlock.
Nella fuga si specifica che i fratelli Holmes sono in lite.


10) KITTY RELLY E RICHARD BROOK

Nella fuga Sherlock spiega a John il piano di Jim: dimostrare a tutti che è un imbroglione. L'attenzione di Sherlock cade poi sul trafiletto della Relly e si precipitano a casa sua.
Qui incontrano Moriarty che veste i panni di Richard Brook l'attore "cantastorie" pagato da Sherlock per interpretare il suo acerrimo nemico.
Vediamo Kitty dare a John parecchia documentazione, gli articoli pronti e i curriculum di Brook.
Sherlock perde la pazienza e si scaglia su Moriarty che fugge.

Analisi: interressantissimo gioco di sguardi fra Sherlock e Moriarty. Sembra quasi uno scambio muto di complimenti: ha visto che bella questa trovata? ah, però bravo!. Altra cosa di nuovo Sherlock sembra avere una reazione molto ritardata. Potrebbe essere dovuto al fatto che è stato colto alla sprovvista? Oppure sta al gioco? Gli si scaglia contro, ma sembra quasi dargli il tempo di fuggire.

Fuori casa di Kitty, Sherlock spiega: " è la mia vera storia con in mezzo una sola grande bugia. Gli manca solo una mossa per finire il gioco". Si ferma, intuisce, e se ne va dicendo  a John che deve fare una cosa da solo.

Analisi: questo è il momento in cui Sherlock intuisce il piano del suicidio.

11) JOHN E MYCROFT

Watson capisce che è stato Mycroft a dare a Moriarty quelle informazioni. Una deduzione alquanto facile, difficile credere che Sherlock non lo abbia capito.

Analisi: è questo il vero motivo del litigio? Ma se così fosse Sherlock ancora una volta sapeva del piano d JIm, eppure per tutta la puntata sembra cascare in tutte le trappole.
Eppure, è davvero plausibile che Mycroft si sia venduto il fratello? E la domanda cruciale è : per cosa? In cambio di cosa? Se ha lasciato libero Moriarty deve averlo fatto perchè in cambio di Sherlock ha ottenuto qualcos'altro. Cosa?
Moriarty era in stato di arresto alla fine della seconda puntata. E' davvero possibile che i fratelli Holmes non si siano parlati a riguardo? Che tutti e due siano stati presi per il naso da Moriarty sulla faccenda del codice?

12) IL COINVOLGIMENTO DI MOLLY

Sherlock chiede aiuto alla persona più improbabile di tutti e lo fa in un modo molto sentimentale.

Analisi: chiaramente le sta chiedendo di aiutarla nel piano per inscenare la sua morte.Quindi Sherlock, a quanto pare, ha pianificato tutto la notte prima di incontrare Moriarty. La domanda che ci dobbiamo porre è: perchè ha deciso di inscenare la sua morte? Se ormai aveva capito tutto del piano, perchè non agire per constatarlo? Perchè decide di far credete a tutti che si sia suicidato?


TO BE CONTINUED...







Nessun commento:

Posta un commento